Schermo nero dopo il resume dal suspend

Ecco, lo sapevo. La mia professoressa di inglese mi ha contagiato. Mischio inglese e italiano. Pazienza, l’importante è risolvere questo fastidioso problema.

Schermo nero
Ecco cosa si vede dopo il resume

A volte capita che inspiegabilmente lo schermo del portatile resti nero dopo il risveglio dalla sospensione. A me è successo improvvisamente, prima andava tutto, forse è stato qualche aggiornamento del kernel di Intrepid Ibex.
Ho notato che il portatile funzionava perfettamente (schermo a parte), infatti potevo tranquillamente ssharmici dentro.
La soluzione al problema è semplice: spegnere e riaccendere lo schermo. Su un portatile però non c’è il bottoncino… Bisogna quindi affidarsi a DPMS (Display Power Management Signaling), che da Linux si gestisce tramite il tool vbetool.
In sintesi:

sudo vbetool dpms off
sudo vbetool dpms on

Si può automatizzare il processo mettendo uno script in /etc/pm/sleep.d

#!/bin/sh

/usr/lib/pm-utils/functions

sleep 1
case "$1" in
        thaw|resume)
                vbetool dpms off
                vbetool dpms on
                ;;
        *)
                ;;
esac

Diamogli un nome intelligente, tipo 99-dpms-off-on.sh e rendiamolo eseguibile: sudo chmod +x /etc/pm/sleep.d/99-dpms-off-on.sh

Fatto. 😀

Konsole e la trasparenza reale

Da molti mesi speravo di poter aggiungere a Konsole, il terminale per KDE, la trasparenza reale, molto bella esteticamente ed estremamente utile, ma arrivavo sempre allo stesso risultato, cioè lo sfondo del desktop impostato come sfondo di Konsole. Il tutto filava se non c’erano altre finestre tra Konsole e la scrivania, in caso contrario l’effetto era pessimo. Ora è tutta un altra cosa.

La trasparenza reale di Konsole

Come fare? Semplice, si aggiunge il parametro –real-transparency nella voce del menù K relativa a Konsole, e si imposta “Konsole trasparente” come schema predefinito, modificandolo a proprio piacimento.

Purtroppo tutto questo funziona solo con Compiz attivo, quindi per me non c’è problema, Compiz è *sempre* attivo. 😀

Wcat: cat web files

Ho da parecchio tempo nel mio .bashrc un comodissimo alias che mi permette di usare il fantomatico comando wcat per visualizzare file su internet, ad esempio file di testo.

Ho pensato di renderlo disponibile al mondo tramite questo pacchetto deb, presente nel LuBlog Repository, il mio repo per Ubuntu.

Chi fosse troppo pigro per installare il pacchetto a mano può sempre aggiungere il repo al sources.list e installare il pacchetto da lì:
echo 'deb http://repo.tuttoeniente.net/ binary/' | sudo tee -a /etc/apt/sources.list
sudo apt-get install wcat

Oppure, più semplicemente ancora:
echo "alias wcat='wget -q -O-'" >> ~/.bashrc

Come si usa? Semplice: wcat [URL]

Basi di shell per usare la Fonera

Già da qualche giorno stavo pensando a chi desidera smanettare con la Fonera ma non è abituato alla shell, vuoi perché usa Windows, vuoi perché non gli/le piace.

La Fonera

In questa micro-guida spiegherò l’uso dei comandi di base da utilizzare nella Fonera, validi comunque in qualsiasi altra macchina *nix.

Continue reading

Giocare con la Fonera #1

Apro con questo post una piccola serie di giochetti più o meno utili da fare con la vostra Fonera (ovviamente con SSH abilitato). Ovviamente la serie è totalmente aperiodica.

Avete presente quelle scritte che appaiono dopo aver fatto il login via SSH? Sono un po’ tristi… Ecco come appaiono prima e dopo la cura:

Prima della cura Dopo la cura
Lo so, non è molto meglio di prima, ci vorrebbe un po’ di fantasia…

Come fare? Semplice! Basta editare il file /etc/banner con l’editor incluso, vi. Per chi non lo avesse mai usato ecco alcune semplici istruzioni:

  • Appena aperto un file si può solo scorrere, premere il tasto I per entrare in modalità “editing”
  • Usare solo backspace per cancellare, non canc
  • Premere ESC per uscire dalla modalità “editing”
  • In modalità “standard” digitare:
    • :w per salvare il file
    • :wq per salvare ed uscire
    • :q! per uscire senza salvare